Bernalda Futsal-La Sportiva Traforo: 4-12. Gara stregata per i rossoblu, vincono i calabresi

Non basta un prova generosa e il cuore rossoblu ai ragazzi di Masiello che perdono 12-4 in casa contro il Traforo, una delle favorite alla vittoria finale del campionato. Una giornata storta per Bidinotti e compagni che vanno sotto con il punteggio già dai minuti iniziali del confronto e non riescono più a rimontare contro una formazione calabrese che non ha mai abbassato la guardia nel corso del match malgrado l’ampio margine di vantaggio. La nota positiva: il pubblico del “PalaCampagna” che non ha mai fatto mancare il proprio sostegno alla squadra comprendendo il momento difficile dei rossoblu. Bisogna archiviare in fretta la partita con il Traforo e ripartire con un nuovo slancio.

Cronaca. Mister Masiello parte con il quintetto composto da De Brasi, Fusco, Bidinotti, Bueno e Margarita. Dall’altra parte il Traforo propone Gallon, Sapinho, Salerno, Chiappetta, Cofone.

Alla prima occasione gli ospiti passano in vantaggio: sugli sviluppi di una punizione il destro preciso di Cofone si insacca all’angolino per lo 0-1. Il Traforo insiste e raddoppia al 3′ grazie a Chiappetta che si gira bene in banda e fredda De Brasi. Al 4′ gli ospiti siglano la terza rete: Chiappetta scarica per Cofone che appoggia in rete. Il Bernalda reagisce al 5′ : Bidinotti lancia lungo per la spettacolare mezza girata di Gallitelli che infila Gallon per 1-3. In uno scontro di gioco si infortuna De Brasi che esce per qualche minuto lasciando il posto a D’Amelio. Al 7′ il Traforo cala il poker: Salerno calcia dalla media distanza, D’Amelio respinge, Dentini raccoglie la sfera e griffa 1-4. Al 11′ gli ospiti segnano la quinta rete con un destro di Salerno, tutto solo davanti a De Brasi. Il Bernalda con orgoglio cerca di riaprire il match: al 12′ sugli sviluppi di un corner il destro violento di Fusco non lascia scampo a Gallon per il 2-5. Al 15′ sesta rete per i calabresi: Cofone scarica sul secondo palo per il tap-in vincente di Salerno. Un minuto dopo in una azione confusa in area rossoblu in Traforo vince un paio di rimpalli con la sfera che giunge a Schiavelli che la mette in rete. Gli ospiti non sono paghi : al 18′ Chiappetta dal fondo la mette al centro, dove Dentini è lesto a depositare in rete il 2-8. Nei secondi finali della frazione i ragazzi di Madeo segnano la nona marcatura: la conclusione di Schiavelli trova la sfortunata deviazione di Gallitelli che nel tentativo di salvare miracolosamente in angolo infila la propria rete. Le due squadre vanno al riposo con il vantaggio di 9-2 del Traforo.

Nella ripresa mister Masiello avvicenda il portiere De Brasi, infortunato alla mano nel primo tempo, al suo posto rientra il giovane D’Amelio. Al 2′ i calabresi segnano il decimo gol con un destro chirurgico di Sapinho che si insacca angolo basso alla sinistra di D’Amelio. Al 7′ fallo di mano di Schiavelli in area, l’arbitro decreta il penalty: dal dischetto Gallitelli si fa prima respingere la conclusione da Gallon ma recupera la sfera e insacca la terza rete rossoblu. Al 8′ i calabresi griffano l’undicesimo gol: Schiavelli per Chiappetta, il cui preciso diagonale si spegne nell’angolo basso. Al 9′ il Bernalda è sfortunato: il siluro mancino di Gallitelli si stampa sulla traversa. Al 18′ il Bernalda accorcia le distanze con un destro di Bidinotti che, appostato in banda, scarica un destro teso sul quale Gallon interviene senza impedire alla palla di infilarsi. Al 19′ Chiappetta griffa l’ultima rete degli ospiti per il 12-4 finale in favore del Traforo.

BERNALDA FUTSAL: Zito, Bidinotti, Lemma, Viggiano, Laurenzana, Gallitelli, Margarita, Grossi, D’Amelio, De Brasi, Bueno Gaston, Fusco. All. Masiello

LA SPORTIVA TRAFORO: Gallon, Schiavelli, Sapinho, Dentini, Salerno, Chiappetta, Cofone, Lento, Caruso, Cosentino, Bisignano. All. Madeo

Arbitri: 1^ Ciccarelli di Napoli; Paolino di Nola; cronometrista D’Alessandro di Policoro

Marcatori: 1′ p.t. Cofone (T); 3′ p.t. Chiappetta (T), 4′ p.t. Cofone (T), 5′ p.t. Gallitelli (B), 7′ p.t. Dentini (T), 11′ p.t. Salerno, 12′ p.t. Fusco (B), 15′ p.t. Salerno (T); 16′ p.t. Schiavelli (T), 18′ p.t. Dentini; 20′ p.t. (aut.) Gallitelli (T); 2′ s.t. Sapinho (T); 7′ s.t. Gallitelli (B); 8′ s.t. Chiappetta (T); 18′ s.t. Bidinotti (B); 19′ s.t. Chiappetta (T)

Ammoniti: Bueno per il Bernalda; Salerno, Cofone, Dentini per il Traforo

Ufficio stampa Bernalda Futsal

Bernalda Futsal, verso il Traforo. Barbieri: “Abbiamo un grande gruppo. Ai tifosi? Non servono appelli ci sono sempre”

Rigenerato dalla vittoria esterna di Paola e dalla vittoria a tavolino per 6-0 di Ruvo per decisione del giudice sportivo, il Bernalda Futsal si appresta a confrontarsi con una delle big del girone: il Traforo, squadra (indicata da alcuni addetti ai lavori) tra le favorite alla vittoria finale. C’è moderato ottimismo ed entusiasmo crescente in casa rossoblu per l’aggancio alla zona play off. Ora altro snodo importante per i ragazzi di Masiello per dare continuità di risultato e magari un segnale al campionato. Dopo la sosta del campionato il tecnico pisticcese non avrà l’esperto Cesare Rispoli che ha effettuato altre scelte professionali. Sulla gara di sabato al PalaCampagna (calcio d’inizio alle ore 16:00) abbiamo ascoltato Maurizio Barbieri, allenatore in seconda dei rossoblu: “Affronteremo una formazione tra le più forti del campionato con degli ottimi calcettisti italiani esperti e stranieri come Saphino. E’ chiaro che per noi sarà un banco di prova importante per dare continuità ai risultati e misurare le nostre ambizioni con un’altra big del girone. Non nascondo che l’importante vittoria su un parquet difficile come quello di Paola ci ha dato ulteriore consapevolezza nei nostri mezzi e nelle nostre possibilità. Sta emergendo anche il lavoro di mister Masiello che qualche settimana fa affermò che le difficoltà contingenti aiutano la squadra a crescere e migliorare. Anche senza un pivot di ruolo nella trasferta di Paola ci siamo ben disimpegnati grazie all’aiuto di tutti”. Un pensiero è dedicato anche ai tifosi: “Il PalaCampagna ci ha sempre sostenuto anche nei momenti di difficoltà. E’ chiaro che un po’ di rammarico resta per la vittoria sfumata a 18” dalla sirena finale contro la capolista Bisignano ma abbiamo un pubblico maturo che ha capito l’impegno della squadra. Ai nostri tifosi non servono appelli, si respira intorno alla squadra quel clima di moderato ottimismo e soprattutto ormai abbiamo un gruppo coeso”. Il pensiero finale del tecnico è per gli atleti rossoblu: “Vorrei sottolineare, oltre all’indubbia importanza dei nostri giocatori “forestieri”, il ruolo fondamentale degli atleti locali per abnegazione e attaccamento alla maglia. Si è cementato un gruppo importante”. Insomma a Bernalda il “vento” pare girato e la nave rossoblu sembra navigare in acque più serene ma attenzione perchè il viaggio è lungo e i “temporali” sul percorso si possono incontrare. Al momento, però, le vele rossoblu sono spiegate verso il porto prescelto.

BERNALDA FUTSAL: STRAPAZZON SI PRESENTA AI SUOI TIFOSI

Brasiliano, classe 1985, non solo talento ed esperienza ma saggezza tattica e altruismo al servizio della squadra. Lui è Alex Strapazzon, ruolo universale, da qualche settimana tornato in Italia richiamato dalle “sirene” dell’iperattivo presidente rossoblu Alfredo Plati. Strapazzon aveva ormai accantonato lo Stivale dopo gli anni di militanza in A e B con le casacche di Prato, Pisa, Scicli, Ancona, Gragnano e infine Policoro. Nelle “belle storie d’amore” però ci può essere un ritorno di fiamma ed è quello che in effetti è accaduto: “Ho parlato con il presidente Alfredo Plati –afferma il brasiliano – che mi ha illustrato il progetto societario. Non nego di avere avuto in un primo momento dei dubbi in considerazione delle ultime esperienze in Italia che non erano state delle migliori. Ero titubante anche per mia figlia che ha solo nove mesi. Per il resto la trattativa è stata facile e abbiamo trovato l’accordo in poco tempo. Il presidente Plati è una brava persona e ho avuto modo di conoscerlo”. La decisione di tornare in Italia non è stata delle più semplici per il calcettista brasiliano: “Mi sono confrontato con mia moglie e abbiamo deciso di venire. La società vuole vincere e salire di categoria. Sono un calcettista maturo a 34 anni ma ho ancora tanta voglia di vincere. Siamo fuori dalla Coppa Italia e ora dobbiamo concentrarci sul campionato”. Ci sono sei anni di assenza dall’Italia con l’universale tornato in Brasile per disputare 6 campionati di alto livello che ci racconta in breve: “Dopo il 2012 sono tornato in Brasile. Ho giocato nella città di Castro e poi 5 anni a Palmas, dove abbiamo disputato il campionato di serie A. Ho trascorso delle belle stagioni in quella squadra dal 2013 ad oggi. Sono stato convocato per due volte nella Nazionale brasiliana AMF per disputare le amichevoli contro la Bolivia e il Paraguay”. Sul ruolo che predilige: “Difensore oppure laterale a sinistra o destra – dice Alex che prosegue – Mi piace calciare in porta e anche giocare in attacco. Punto sulla tecnica ma sono anche un calcettista tattico che gioca per la squadra”. Sulla sua nuova squadra e i compagni Strapazzon dice: “Conoscevo Orlando Bidinotti con il quale ho giocato a Scicli abbiamo vinto la serie A2. Lui è un bravo ragazzo e un mio amico. Appena ho saputo che Orlando giocava nel Bernalda per me è stata un’ulteriore garanzia della serietà della società”. Sul girone impegnativo nel quale è inserita la sua nuova squadra: “Ho visto – continua Alex – che il Bisignano è primo: loro hanno dei calcettisti brasiliani molto validi. C’è molto equilibrio nel girone ma possiamo recuperare i punti in classifica e vincere il campionato magari arriverà anche un altro giocatore a darci una mano”. Il messaggio finale è per i tifosi rossoblu: “Sono tornato in Italia per vincere e sono molto motivato. Farò di tutto per dare il mio contributo alla squadra per la vittoria finale e mi auguro di fare divertire i miei nuovi tifosi”.

Ufficio Stampa Bernalda Futsal

Femminile: Bernalda Futsal – ADB Matera 3-2

Le nostre leonesse non mollano mai: grande vittoria contro gli Amici Del Borgo Matera che cedono 3-2 al PalaCampagna

Inizia nel migliore dei modi il nuovo corso della SENSO Farm Bernalda che, con una grande rimonta, conquista il primo successo davanti al pubblico amico, decidono le reti, tutte nella ripresa, di Giusy Scarcia che trafigge il portiere avversario con un grande destro da posizione defilata, Alice Ferrara che conclude uno scambio di prima dopo aver recuperato palla a metà campo e di Desy Albano che dopo aver servito i due assist ha concluso da posizione ravvicinata a pochi minuti dal termine, da incorniciare la prestazione del collettivo rossoblu che nel primo tempo non ha trovato la rete nonostante le molte occasioni create. Fondamentale l’esordio del nuovo Portiere RossoBlu che verrà presentato a breve. Buona la prima per il nuovo allenatore Alex Strapazzon e per l’aiuto coach Carmine Lemma

💙 Complimenti ragazze 💙

Serie B: Ruvo – Bernalda Futsal, omologata 0-6!

4. Giustizia Sportiva
4.1 Decisioni del Giudice Sportivo
Il Giudice Sportivo, Avv. Renato Giuffrida, assistito dal rappresentante
A.I.A.Giuseppe Mannatrizio, nella seduta del 16.11.2018, ha adottato le
decisioni che di seguito integralmente si riportano:
4.1.1 Campionato Serie B
GARA DEL 13/10/2018: FUTSAL RUVO – BERNALDA
Reclamo proposto dalla Società: Bernalda
Il Giudice Sportivo;
Esaminato il reclamo in oggetto rileva:
con il gravame in esame la ricorrente chiede che in danno della convenuta sia
comminata la punizione sportiva della perdita della gara prevista dall’art. 17,
comma 5, lett. a del CGS per aver schierato nella gara in epigrafe il calciatore
Mastropirro Michele in posizione irregolare in quanto sprovvisto
dell’autorizzazione a partecipare all’attività agonistica prevista dall’art. 34
comma 3 delle NOIF.
Il ricorso è fondato e viene accolto. Il nominato in questione nato il 12
novembre 2002 solo in data 18 ottobre con C.U. N. 21 rilasciato dal C.R. Puglia
è stato autorizzato a svolgere attività agonistica. Ne consegue pertanto che ha
preso parte all’incontro richiamato in oggetto, svoltosi il 13 ottobre,
sprovvisto dell’autorizzazione dinanzi citata e quindi in posizione irregolare.
PQM
A scioglimento della riserva di cui al C.U. 138 del 16/10/2018 decide:

a) di accogliere il ricorso, comminando alla Società Futsal Ruvo la punizione
sportiva della perdita della gara col punteggio di 0-6;
b) la tassa di reclamo non è dovuta.
Il Giudice Sportivo della Divisione Calcio a Cinque
(Renato Giuffrida)
Pubblicato in Roma ed affisso all’albo della Divisione Calcio a Cinque il
16/11/2018

Farmacia Centrale Paola-Bernalda Futsal: 4-7. I rossoblu conquistano la prima vittoria in trasferta del campionato

Tre punti fondamentali per conquistare le posizioni nobili della graduatoria per gli uomini di mister Masiello che espugnano il “Palazzetto Comunale Tonino Maiorano” di Paola. Match problematico per i rossoblu viste le defezioni di Bonfin (tornato in Brasile dopo la maxi squalifica) e Strapazzon, arruolabile dalle prossime gare. I rossoblu, però, ci mettono astuzia, cattiveria, cinismo e tanto cuore: la squadra bernaldese incanala l’incontro già agli albori e chiude la prima frazione con il doppio vantaggio. Il Bernalda riesce anche a soffrire e stringere le maglie difensive nei momenti di maggiore pressione dei padroni di casa. Il Paola cerca di recuperare la gara ma è proprio in quei frangenti che Gallitelli e compagni emergono giocando più di “spada” che di “fioretto” in maniera molto più persuasiva rispetto ad altre circostanze. E’ indubbio che ci siano ancora margini di miglioramento per il team lucano soprattutto nei movimenti della fase di non possesso ma i rossoblu sono sulla via maestra per pensare da grandi, anzi da grande squadra.

Cronaca. Il Bernalda parte bene e su schema da calcio piazzato passa in vantaggio grazie ad una conclusione precisa dalla media distanza di Bidinotti. La rete incassata a freddo non scoraggia i padroni di casa che reagiscono d’impeto ma in maniera imprecisa. Il Bernalda, invece, è cinico e raddoppia: su schema da calcio d’angolo Bueno imbecca Fusco sul secondo palo che appoggia in rete lo 0-2. I calabresi in maglia bianca sprecano un paio di buone occasioni così come il Bernalda in ripartenza con Bidinotti in due circostanze: la prima con il diagonale del brasiliano al lato, nella seconda il portiere Filo’ è abile a chiudere lo specchio e respingere. Ci prova anche Gallitelli con un diagonale al volo ma Filo’ non si lascia sorprendere. Il Paola aumenta la pressione e accorcia le distanze al culmine di una bella trama di gioco che smarca l’indisturbato Scarnà sul secondo palo che mette in rete 1-2. Il Paola insiste e De Brasi è chiamato agli straordinari per opporsi alle conclusioni avversarie. I rossoblu, comunque, sono ficcanti in contropiede: Margarita coglie l’incrocio dei pali. Poco istanti più tardi è Filo’ strepitoso ad opporsi ai tiri dello stesso Margarita, Bueno (dalla media distanza) e Bidinotti (a colpo sicuro a pochi passi dalla porta). Nel momento di maggiore pressione dei calabresi, con il portiere Filo’ praticamente nel ruolo di quinto uomo di movimento. il Bernalda allunga con un clamoroso autogol di Dos Santos che sbaglia l’appoggio in fase offensiva e infila clamorosamente la propria porta sguarnita. I rossoblu sono chirurgici poco dopo: De Brasi lancia lungo per Gallitelli che addomestica la palla in banda e scarica a Bidinotti, il brasiliano supera il diretto avversario e la piazza sotto l’incrocio per 1-4. Il Paola non alza bandiera bianca e reagisce con il solito Scarnà che con un destro chirurgico supera De Brasi per il 2-4, risultato con il quale le squadre vanno al riposo.

In apertura di secondo tempo il Bernalda approccia bene: Filo’ chiude lo specchio a Bidinotti. Un minuto più tardi, però, il brasiliano è più preciso e griffa la quinta rete. Il Paola si riversa in avanti ma Bueno d’astuzia con un destro a giro dalla propria difesa trova l’angolino con Filo’ fuori dai pali per il 2-6. I calabresi non sono domi e De Brasi salva la propria porta in due circostanze. Nulla può il portiere rossoblu sulla mezza girata di Dos Santos che firma il 3-6. Il Paola tenta la qualunque per rientrare in partita ma gli ospiti sono insidiosi in ripartenza sull’asse Bueno-Gallitelli che sfiorano la settima marcatura. Ancora su una rapida ripartenza Filo’ respinge un destro violento di Bidinotti, tutto solo sul secondo palo. Due minuti più tardi l’estremo del Paola è miracoloso su Margarita che calcia a pochi passi dalla linea di porta. Il Bernalda allunga su un’iniziativa personale di Bueno che calcia a rete con la sfera che carambola tra Filo’ e un difensore avversario e successivamente termina in rete per il 3-7. Il Paola è ancora vivo: Dos Santos rimette in carreggiata i calabresi con un tap-in vincente per il 4-7. Il Paola tiene in mano il pallino del gioco ma è impreciso sotto rete con il solito Dos Santos. Finisce con la vittoria del Bernalda che può brindare alla prima vittoria esterna del campionato.

Ufficio stampa ASD BERNALDA FUTSAL