BERNALDA FUTSAL – FF NAPOLI: 3-6. L’espulsione di Saponara è fatale ai rossoblu

Il PalaCampagna resta stregato per il Bernalda Futsal che incassa la terza sconfitta su quattro gare tra le mura amiche. Stavolta ad espugnare il palazzetto bernaldese è la corazzata Futsal Fuorigrotta Napoli del tecnico Basile. La gara è stata equilibrata nel primo tempo con la doppietta napoletana realizzata da Fortino, a cui hanno risposto Borges e Lemos per il 2-2 di fine frazione. Nella ripresa la chiave di volta del match con l’espulsione (per doppia ammonizione) del rossoblu Saponara. Il Napoli è stato abile ad approfittarne andando a segno con le reti di Fortino, Turmena, Perugino e Grasso, mentre negli ultimi minuti del match, la realizzazione di Piovesan ha reso meno amara la sconfitta lucana per il 3-6 finale. 

Cronaca. I rossoblu, ancora privi dell’infortunato Calderolli, si presentano con il seguente quintetto iniziale: Boschiggia, Zancanaro, Borges, Piovesan, Gallitelli. Dall’altra parte il Futsal Fuorigrotta Napoli risponde con: Ganho, Perugino, Hozjan, Turmena, Fortino. In tribuna Renoldi e il secondo portiere Caio.

Al primo affondo il Napoli passa in vantaggio con un preciso diagonale di Fortino. Il Bernalda ci prova dalla distanza in due occasioni con Bocca: nella seconda circostanza la sfera finisce di poco al lato. I lucani pericolosi con una staffilata di Piovesan dalla distanza, Ganho si rifugia in corner. Il Napoli vicino al raddoppio: il tap-in di  Grasso viene murato dal portiere Boschiggia. I rossoblu insistono: assolo di Gallitelli sulla destra, la sua conclusione è deviata in corner da Ganho. Il Napoli raddoppia: Turmena dalla sinistra la mette in mezzo per il tocco sotto porta di Fortino per lo 0-2. Passano pochi secondi per la segnatura bernaldese: un’autentica invenzione di Borges, il quale con un tiro velenoso dal fondo dell’out mancino inganna Ganho per 1-2. Il Bernalda ci crede: Bocca e Gallitelli chiamano all’intervento Ganho, mentre Piovesan da buona posizione di destro spedisce di poco al lato. Il Bernalda agguanta il pari: azione impetuosa e caparbia di Bocca che innesca a destra Lemos, il laterale in velocità si incunea tra le maglie napoletane e fredda Ganho. Il Bernalda ha un’altra occasione da rete ma Murò da buona posizione calcia fuori misura. Il primo tempo finisce con il risultato di 2-2. 

La ripresa è all’insegna dell’equilibrio: Murò da distanza siderale prova ad impensierire Ganho che devia in angolo. I rossoblu chiamano in causa Ganho con la punizione di Piovesan. Poco dopo errore clamoroso della difesa bernaldese con De Simone che si invola tutto solo verso la porta ma calcia clamorosamente al lato. I padroni di casa restano in inferiorità numerica dopo un fallo di gioco di Saponara che incassa la seconda ammonizione e viene espulso. L’episodio risulta determinate nello sviluppo della contesa, infatti il Napoli ne approfitta prontamente: Hozjan impegna Boschiggia, sulla sfera si avventa Fortino che infila il 2-3. Gli azzurri percepiscono il momento di difficoltà degli avversari e sono ancora letali: il preciso diagonale di Turmena porta gli ospiti sul 2-4. I campani sembrano inarrestabili: Perugino intercetta la sfera e con una fortunata carambola insacca il 2-5. I locali provano a riversarsi in avanti: Ganho in volo plastico si rifugia in corner sul destro dalla distanza di Lemos. Il Bernalda si sbilancia prestando il fianco alle ripartenze avversarie: Grasso dalla propria metà campo calcia trovando la rete del 2-6. Mister Cipolla tenta la mossa disperata del quinto di movimento (Zancanaro): gli sforzi bernaldesi vengono premiati dalla rete di Piovesan per il 3-6 finale. 

BERNALDA FUTSAL: 3 Fusco, 5 Zancanaro, 6 Borges, 7 Lemos, 8 Murò, 9 Piovesan, 10 Gallitelli, 11 Bocca, 13 Boschiggia, 14 Damelio 23 Quinto, 25 Saponara. All. Cipolla

FF NAPOLI: 12 Ganho, 4 Grasso, 6 Perugino, 7 Frosolone, 8  Hozjan, 9 Arillo, 10 De Simone, 11 Rodriguez, 13 Daniele, 17 Turmena, 20 Fortino, 24 Capiretti.  All. Basile

Arbitri: 1ˆ Costrino di Termoli, 2^ Caracozzi di Foggia, cronometrista Coviello di Potenza

Ammoniti:  Hozjan (N), Saponara (B), Arillo (N), Grasso (N)

Espulso: Saponara (B)

Marcatori: 1’:03’’ p.t. e 9’:52’’ p.t.  Fortino (N), 10’:16’’ p.t. Borges (B), 15’:52’’ p.t. Lemos (B), 7’:52’’ s.t. Fortino (N), 8’:53’’ s.t. Turmena (N), 10’:15’’ s.t. Perugino (N), 13’:49’’ s.t. Grasso (N), 16’:15’’ s.t. Piovesan (B)

Ufficio stampa Bernalda Futsal

Bernalda Futsal, verso il Napoli. Boschiggia: “Una delle più belle partite da giocare”

Big match al “Palacampagna” per la 7^ giornata di serie A2 girone D: il Bernalda Futsal affronterà FF Napoli di mister Basile, una delle compagini più accreditate alla vittoria finale del girone. Sull’impegno che attende i rossoblù lucani abbiamo ascoltato l’estremo difensore Guilherme Boschiggia. Il portiere brasiliano in merito all’importante banco di prova che attende la sua squadra afferma: “sarà una partita difficile ma di sicuro una delle più belle da giocare. Non vedo l’ora di arrivare a sabato per scendere in campo. Il Napoli? Non mi piace parlare degli avversari preferisco guardare a “casa mia” per preparare al meglio l’incontro. L’obiettivo è la conquista dei 3 punti in ogni gara a prescindere dall’avversario di turno”. Una lieta sorpresa in casa bernaldese in questi giorni: Davide Fusco, difensore e pilastro dei lucani delle passate stagioni, è tornato ad indossare la casacca rossoblu. Una “scelta di cuore” per il forte calcettista lucano e per i dirigenti del Bernalda che lo hanno accolto nuovamente dopo la “pausa di riflessione” dell’atleta, legata esclusivamente a ragioni lavorative extra calcistiche. Questo il commento di Boschiggia sul ritorno del compagno di squadra con il quale aveva vissuto la splendida cavalcata verso la serie A2 della passata stagione: “sono contento per il ritorno di Davide perché è un giocatore importante e sicuramente darà una grossa mano alla nostra squadra. Inoltre è anche un elemento cresciuto qui a Bernalda e legato alla maglia”. Il Bernalda è reduce dal sabato di fermo, provocato dai casi Covid riscontrati la scorsa settimana nella formazione del Futsal Polistena che hanno provocato il rinvio del match in Calabria calendarizzato lo scorso 21 novembre. Il portiere brasiliano considera proficuo lo stop e dichiara: “questa pausa ci è servita soprattutto per recuperare i giocatori che soffrivano di qualche infortunio e agli altri per migliorare la condizione fisico atletica così saremo pronti per la partita di sabato”

Ufficio stampa ASD BERNALDA FUTSAL

Bernalda Futsal. Il presidente Rasulo annuncia a sorpresa: “Ritorna in rossoblu Davide Fusco”

Dopo lo stop forzato del Bernalda Futsal, fermo al palo la scorsa settimana per il rinvio della gara in trasferta contro il Futsal Polistena, causata da alcuni casi di Covid emersi tra i tesserati calciatori calabresi; il campionato riprenderà per la formazione lucana con la partita al “PalaCampagna” contro il Napoli. Per il presidente onorario Sanny Rasulo la pausa è stata utile: “Questa settimana in più, a parte il dispiacere per i casi Covid rilevati nella squadra avversaria, ci è servita per migliorare gli schemi di mister Cipolla. Gioco che a me piace molto e appassiona anche gli altri giocatori”. Il presidente annuncia anche un ritorno a sorpresa in maglia rossoblu: “Abbiamo recuperato in squadra anche Fusco, atleta di cui sono particolarmente fiero perché è homemade. A malincuore avevo accettato la rinuncia di Davide Fusco per ragioni lavorative. Lui è molto attaccato alla nostra maglia e alla fine c’è stata la scelta di cuore “agevolata” dalla mia volontà e di quella del direttore sportivo Alfredo Plati. Diciamo che c’è stata una sorta di corteggiamento anche di mister Cipolla che lo voleva in squadra. Fusco è un giocatore tosto e uno dei nostri italiani più apprezzati…Con lui in difesa non si passa quindi un importante tassello per la nostra retroguardia”. Per il Bernalda Futsal ci sarà sabato prossimo al PalaCampagna la corazzata Napoli, una delle squadre più accreditate per la vittoria finale del campionato. Il presidente rossoblu, malgrado la consapevolezza delle qualità degli avversari, si mostra fiducioso: “Il Napoli è una squadra ostica e attrezzata per il salto di categoria. Di sicuro la inserisco tra le prime tre accreditate alla vittoria finale del girone. Dal canto nostro saremo quasi al completo probabilmente non avremo a disposizione Calderolli per un risentimento muscolare. In compenso avremo Borges che ha scontato il turno di squalifica. Purtroppo in queste prime giornate abbiamo perso tanti uomini per squalifica a causa di cartellini che sono “volati” in maniera alquanto leggera. Che vinca il migliore…Sono davvero fiducioso”.

Ufficio stampa ASD BERNALDA FUTSAL 

Enrico Losito

BERNALDA FUTSAL – NEW TARANTO C5: 6-1. I LUCANI INCANALANO LA GARA NEL PRIMO TEMPO

Il Bernalda Futsal si aggiudica la gara ormai divenuta una “classica” degli ultimi anni superando il Taranto per 6-1 e interrompendo una striscia negativa di 3 sconfitte consecutive. I ragazzi di mister Cipolla incanalano il match già nella prima frazione di gioco chiusa sul punteggio di 3-0 e allungano fino al 6-0 nella ripresa sfruttando alcune disattenzioni difensive degli ionici. Sul suono della sirena il Taranto riesce a realizzare la rete della bandiera. Per i lucani è l’uscita dal tunnel di risultati negativi e soprattutto viene sfatato il tabù del PalaCampagna in A2 con i bernaldesi sconfitti nelle due prime gare di campionato. 

Cronaca. Il Bernalda ritrova Bocca ma perde Borges, appiedato dal giudice sportivo, e l’infortunato Calderolli. I rossoblu si presentano con il seguente quintetto iniziale: Boschiggia, Bocca, Lemos , Piovesan, Gallitelli. Dall’altra parte il Taranto schiera: Masiello, Loconte, Bottiglione, De Risi, De Pizzo.

Inizio gara sostanzialmente equilibrato: il Bernalda ci prova con Gallitelli dalla distanza, Masiello respinge, Piovesan raccoglie ma si lascia ipnotizzare dall’estremo tarantino. Risponde il Taranto: Bottiglione impegna Boschiggia. Il Bernalda passa in vantaggio con un bella penetrazione centrale di Lemos che si inserisce nelle maglie difensive ioniche e batte Masiello per 1-0. Il Bernalda sfiora il raddoppio: Lemos serve Murò che da buona posizione calcia al lato. Gli ospiti tentano dalla media distanza con Bottiglione: Boschiggia blocca. Poco dopo il portiere dei lucani si ripete chiudendo su L’Ingesso lanciato a rete. Risponde il Bernalda: Lemos calcia a rete Masiello si oppone. Il Bernalda raddoppia: Saponara pesca sul secondo palo l’indisturbato Lemos che insacca il 2-0. Il Bernalda raggiunge il bonus di 5 falli. Il Taranto spreca un’occasione da rete: Bottiglione supera un avversario ma davanti a Boschiggia calcia di poco al lato. Il Bernalda cala il tris: Murò recupera la sfera e imbecca Saponara, il pivot con un impetuoso assolo sulla destra supera un paio di avversari e batte Masiello per il 3-0. I pugliesi acquistano campo: Di Pietro impegna Boschiggia. Sul suono della sirena doppia opportunità per Saponara, Masiello è superlativo. Il primo tempo termina con il punteggio di 3-0 per il Bernalda. 

Nella ripresa mister Bommino sostituisce il portiere: Masiello cede il posto a Ventimiglia. Il Bernalda allunga: Gallitelli, tutto solo davanti al portiere avversario, scarica a Piovesan che a porta sguarnita deposita in rete per il 4-0. Il Taranto non è domo e confeziona un paio di occasioni da rete: il pallonetto di Di Pietro lambisce la traversa. Gli ionici provano dalla distanza con Salvo, Boschiggia si rifugia in corner, e successivamente con Bottiglione, l’estremo brasiliano è ancora attento. Dall’altra parte il Bernalda è insidioso in ripartenza: il diagonale velenoso di Zancanaro viene ribattuto da Ventimiglia. I lucani raggiungono il bonus di 5 falli. Gli ospiti tentano la sortita ancora dalla distanza con Bottiglione e Di Pietro ma Boschiggia è sempre attento. Il Taranto inserisce il quinto di movimento (Bottiglione) per cercare di riaprire il match.  Il Bernalda allunga con una doppietta di Piovesan che in entrambe le circostanze riesce ad inserirsi nella transizione di palla del Taranto per portare i lucani sul 6-0. Il Taranto  usufruisce di due tiri liberi per altrettanti falli bernaldesi: Boschiggia, però, si supera e disinnesca i tiri piazzati di Di Pietro e De Risi. Sul suono della sirena il Taranto segna la rete della bandiera con un tiro preciso di L’ingesso che pesca l’angolino alla sinistra di Boschiggia. Finisce 6-1 per il Bernalda. 

BERNALDA FUTSAL: 1 Damelio, 5 Zancanaro, 7 Lemos, 8 Murò, 9 Piovesan, 10 Gallitelli, 11 Bocca, 13 Boschiggia, 23 Quinto, 24 De Pizzo, 25 Saponara, 28 Giannace. All. Cipolla

NEW TARANTO C5: 3 Lacarbonara, 5 Loconte, 7 L’Ingesso, 9 Salvo, 10 De Risi, 11 Bottiglione, 12 Masiello, 14 Ventimiglia, 15 Nigro, 24 Lacatena, 99 Di Pietro. All. Bommino

Arbitri: 1ˆ Andolfo di Ercolano , 2^ Crocifiglio di Napoli, cronometrista Granata di Sala Consilina

Ammoniti:  Gallitelli (B), Masiello (T), Murò (B), Lacatena (T), Salvo (T), Loconte (T), Quinto (B)

Espulso: nessuno

Marcatori: 3’:30’’ e 12’:30’ p.t. Lemos (B), 14’:30’’ p.t. Saponara (B), 3’:31’’ s.t. Piovesan (B), 17’:22’ e 17’:47’’ s.t. Piovesan (B), 19’:59’’ s.t. L’Ingesso (T) 

Ufficio stampa Bernalda Futsal

Bernalda Futsal, verso il Taranto. Zancanaro: ”Dobbiamo dare di più ed essere più cattivi sotto porta”

Il “PalaCampagna” è pronto ad accogliere la sfida tra il Bernalda e Taranto: una “classica” degli ultimi campionati che quest’anno si disputerà in A2. I bernaldesi devono riscattare le tre sconfitte consecutive, brucia ancora quella incassata sabato scorso in Sicilia contro il Regalbuto. E’ proprio dalla disamina del match della scorsa settimana che inizia la nostra “chiacchierata” con Marcio Zancanaro, esperto difensore brasiliano del Bernalda Futsal: “La partita a Regalbuto – dice Zancanaro- era alla nostra portata. Di sicuro è stata una gara equilibrata ma i dettagli hanno fatto la differenza e purtroppo in questo periodo gli episodi ci sono sfavorevoli. Veniamo penalizzati da qualsiasi errore che commettiamo. In ogni caso non possiamo abbassare la testa e dobbiamo continuare a lavorare duro per uscire da questa situazione. Solo così potremo superare questo momento difficile: lavoriamo a testa bassa dando il 110% visto che il 100% non è bastato quindi serve qualcosa di più. Dobbiamo iniziare un nuovo campionato a partire da sabato prossimo quando affronteremo una buonissima squadra come il Taranto. Ci stiamo preparando al meglio per conquistare la vittoria: l’unica cosa che conta davvero! Sono con i tre punti potremo ritrovare serenità”. Zancanaro individua uno degli aspetti da migliorare della squadra: “Dovremmo essere più cattivi sotto porta sfruttando meglio le occasioni che costruiamo durante la gara. Solo così potremo rimetterci in piedi. Le decisioni arbitrali? Preferisco non parlarne. Noi lavoriamo ogni giorno per migliorarci quindi non possiamo appellarci agli errori arbitrali e alla sfortuna; ci stiamo mettendo del nostro perché commettiamo degli errori. Dobbiamo fare di più…Devo fare di più per aiutare i miei compagni per vincere”. Per quanto riguarda la gara di sabato prossimo contro Taranto, il difensore brasiliano afferma: “Affronteremo una squadra di qualità con un ottimo allenatore che ho già avuto in passato. Sono consapevole di quanto il tecnico Bommino senta questo tipo di partite e come riesca a caricare la squadra. Lo scorso anno le due squadre hanno lottato per la vittoria del campionato. Siamo consci che, alla luce della nostra posizione in classifica e dei pochi punti che abbiamo ottenuto, dobbiamo portare a casa la vittoria. Del resto non abbiamo alternative. Peccato per l’assenza dei nostri tifosi che rappresentano il sesto uomo in campo: da parte nostra dobbiamo dare qualcosa in più anche per loro che ci riempiono quotidianamente d’affetto. Per quanto mi riguarda: sto bene fisicamente ma, considerato il lungo periodo di fermo per la pandemia, devo acquisire il ritmo partita ottimale. Sono in una forma fisica accettabile ma è chiaro che con il passare delle settimane andrò in crescendo. Cercherò di dare molto di più di quello che ho dato fino ad oggi perché tutti si aspettano tanto da me. Sono consapevole di quello che posso dare alla mia squadra”.  

Ufficio stampa ASD BERNALDA FUTSAL

Bernalda Futsal, verso il Taranto. Mazzei: “Potrebbe essere la gara della svolta”

Una sconfitta amara, la terza consecutiva, per il Bernalda Futsal che nella trasferta siciliana di Regalbuto recrimina per alcune controverse e discutibili decisioni arbitrali; ma deve, comunque, recitare il mea culpa per qualche omissione difensiva che rischia di cronicizzarsi se non corretta in tempo. A commentare la gara il direttore generale rossoblu Giuseppe Mazzei: “Una sconfitta che per come è andata l’evoluzione della gara lascia l’amaro in bocca. Siamo stati sempre in partita in una gara equilibrata e dai due volti. Nel primo tempo le maggiori rotazioni e la migliore freschezza agonistica hanno permesso al Regalbuto di tenere bene il campo e di portarsi in vantaggio sull’1-0. Nel secondo tempo la gara l’abbiamo condotta noi dal primo all’ultimo secondo con un pressing altissimo che non permetteva di costruire gioco ai nostri avversari che hanno dovuto buttare via parecchi palloni. Poi le gare equilibrate si sa le decidono molto spesso gli episodi e sarebbe bello che gli episodi siano frutto dell’ingegno e dell’abilità dei singoli giocatori piuttosto che della voglia di protagonismo di chi dirige la gara: l’azione che porta il Regalbuto sul 2-1 è frutto di una punizione regalata ai nostri avversari. Nonostante questo siamo rimasti compatti e poco dopo abbiamo trovato il pari con Zancanaro. Dopo su una nostra disattenzione a 4 minuti dalla fine siamo andati nuovamente in svantaggio e da lì in poi non c’è stato più concesso di rientrare in gara. Abbiamo incassato l’ espulsione di Borges per una assurda seconda ammonizione decisa dall’arbitro che era a trentacinque metri dall’azione e non dal suo collega che era meglio piazzato. Questi sono gli episodi chiave del match. Eravamo consapevoli che sarebbe stata una gara tosta; alla luce delle condizioni con le quali siamo arrivati a disputarla: mi riferisco alle assenze di Calderolli ancora ai box per un fastidio muscolare e di Bocca che nell’incontro con il Melilli ha subito una doppia ammonizione assurda frutto di una direzione arbitrale al di fuori di ogni rigore di logica”. Nota dolente quella delle espulsioni in casa rossoblu; un aspetto da non trascurare anche per il prosieguo del torneo. Su questo il diggì bernaldese chiarisce: “Purtroppo abbiamo subito nelle ultime tre gare 4 espulsioni frutto di direzioni di gara non all’altezza e poco serene. Sono molto contrariato per questo. Tra l’altro abbiamo ritrovato qualche fischietto non nuovo a queste serate da “prima donna”. Peccato perché si vanifica l’egregio lavoro che svolgono tanti direttori di gara bravi e integerrimi. Sicuramente tutti possono avere una giornata negativa spero che non accada più”. Al setaccio in particolare la fase difensiva che comunque coinvolge tutta la squadra: “La difesa ha fatto quello che poteva – prosegue il dirigente lucano –perché l’assenza di Bocca è stata pesante e Zancanaro era l’unico centrale di ruolo. Il mister ha provato ad adattare Muró anche con buoni risultati, si tratta comunque sempre di un elemento fuori ruolo”. Per quanto riguarda la fase offensiva, Mazzei afferma: “In avanti Piovesan ha fatto il possibile ma aveva sempre le mani addosso e non gli fischiavano mai un fallo a favore. Per il resto eravamo un po’ scollegati nel primo tempo ma per la ripresa non ho niente da rimproverare ai nostri ragazzi se non sulla transizione in cui abbiamo incassato il 3-2”. Adesso per sabato prossimo è in programma al PalaCampagna la sfida contro Taranto. Ormai una “classica” delle ultime stagioni che quest’anno avrà il proscenio in A2: “La gara con il Taranto è importante come tutte le altre. Noi da qualche anno abbiamo imboccato un percorso che ci ha portati alla conquista della Serie A2. Quest’anno i ripescaggi hanno permesso ad altre società di iscriversi a questo campionato; per cui ritroviamo nuovamente i tarantini sul nostro cammino e onestamente è giusto che ci siano perché tolti noi, lo scorso anno hanno disputato un campionato eccellente. Loro sono la solita squadra combattiva che verrà a Bernalda per dare il massimo. Noi non avremo Borges per squalifica ma riavremo Bocca e speriamo di recuperare Calderolli. Potrebbe essere questa la gara per svoltare ed iniziare un percorso importante. Sono sicuro che il mister e i ragazzi non ci deluderanno”.

Ufficio stampa ASD BERNALDA FUTSAL

FUTSAL REGALBUTO – BERNALDA FUTSAL: 3-2. SICILIA INFAUSTA PER I ROSSOBLU ARRIVA UN’ALTRA SCONFITTA

Altra sconfitta bruciante, la terza consecutiva, per il Bernalda Futsal che cade in Sicilia contro l’ostico e pugnace Regalbuto che si impone per 3-2. I rossoblu sono costretti ad inseguire per tutta la gara ma nei momenti di maggiore spinta vengono penalizzati da alcune decisioni arbitrali che finiscono per condizionare l’andamento del match. Non è la prima volta, dall’inizio del campionato infatti alcune sanzioni dei direttori di gara di turno hanno penalizzato i rossoblu; in buona sostanza un film già visto in repliche stucchevoli come le tante espulsioni incassate dai calcettisti rossoblu. Ad ogni buon conto tale aspetto non inficia la prova di sostanza e carattere del Regalbuto che vince meritatamente. Di contro il Bernalda deve recitare il mea culpa per alcune omissioni difensive che, a conti fatti, sono risultate decisive parimenti alle sanzioni arbitrali. 

Cronaca. Il Bernalda ritrova Lemos e Murò  rientranti da squalifica ma perde Calderolli infortunato e Bocca, appiedato dal giudice sportivo. I rossoblu si presentano con il seguente quintetto iniziale: Boschiggia, Zancanaro, Borges, Piovesan, Gallitelli. Dall’altra parte il Regalbuto schiera: Menichella, Wallace, Nimo Cobo, Capuano, Lo Cicero. 

I primi minuti di gara sono equilibrati: due occasioni per i padroni di casa con Martines e Palmegiani, a cui risponde una conclusione di Borges. Il Regalbuto passa in vantaggio in ripartenza con una conclusione di Capuano che supera Boschiggia proteso in uscita per 1-0. Il Bernalda reagisce con la staffilata di Zancanaro dalla distanza che finisce di poco al lato. Il primo tempo termina con il vantaggio dei siciliani.

Nei primi istanti della ripresa il Bernalda agguanta il pareggio con il destro velenoso di Lemos che supera Menichella e si insacca sul primo palo per 1-1. Con il passare dei minuti gli ospiti conquistano terreno: Gallitelli ci prova con il sinistro dalla distanza la palla sorvola la traversa. I siciliani tornano in vantaggio sugli sviluppi di una punizione con il tap-in  vincente sotto porta di Wallance per il 2-1. Il Bernalda reagisce prontamente e raggiunge nuovamente il pareggio con una staffilata dalla distanza di Zancanaro per il 2-2. La gara è un susseguirsi di emozioni, il Bernalda ha maggiore possesso palla ma sono i locali a ritornare in vantaggio grazie al chirurgico diagonale di Palmegiani per il 3-2. Mister Cipolla utilizza il quinto di movimento (Zancanaro) ma i rossoblu subiscono l’espulsione di Borges che incassa il secondo cartellino giallo per un presunto fallo di mano. Malgrado l’inferiorità numerica i lucani utilizzano il quinto di movimento per tenere alta la squadra e conservare il possesso palla ma prestano il fianco alle iniziative in contropiede del Recalbuto. Inutili gli ultimi disperati assalti del Bernalda, il suono della sirena finale premia i padroni di casa che vincono per 3-2.  

FUTSAL REGALBUTO: 2 Wallance , 5 Nimo Cobo, 6 Isgro, 7 Chiavetta, 10 Martines, 11 Giampaolo, 12 Menichella, 13 Sanchez, 16 Fichera, 17 Capuano, 18 Palmegiani, 20 Lo Cicero. All. Paniccia                                                            

BERNALDA FUTSAL: 2 De Pizzo, 5 Zancanaro, 6 Borges, 7 Lemos, 8 Murò, 9 Piovesan, 10 Gallitelli, 13 Boschiggia, 23 Quinto, 25 Saponara, 28 Giannace. All. Cipolla

Arbitri: 1ˆ Cozza di Cosenza , 2^ Alessi di Taurianova, cronometrista Pagano di Catania

Ammoniti: Lo Cicero (R ), Nimo Cobo (R ), Borges (B), Zancanaro (B), Boschiggia (B)  

Espulso: Borges (B )

Marcatori: 7:41 p.t. Capuano (R) ; 0:22 s.t. Lemos (B), 12:41’ s.t. Wallance ( R) ; 14:14 s.t. Zancanaro (B); 16:29 s.t. Palmegiani (R )

Ufficio stampa Bernalda Futsal

Bernalda Futsal, verso Regalbuto. Borges: “Dobbiamo essere più cattivi sotto porta”

Il Bernalda Futsal sarà impegnato sabato per la 4^ giornata di campionato nell’impegnativa trasferta siciliana conto la Sicurlube Regalbuto al Palasport Giovanni Paolo II di Regalbuto (EN) con inizio alle ore 16.00. Sul primo match in terra siciliana della stagione abbiamo ascoltato il laterale brasiliano rossoblu Marcio Borges che sul confronto afferma: “Il Regalbuto è una squadra giovane con grande entusiasmo e in panchina ha un allenatore preparato. Sarà una partita molto difficile perchè loro sono in crescita di condizione psicofisica ma noi dobbiamo giocare come se fosse una finale. Questo vale per tutte le gare che affronteremo.Siamo tutti arrabbiati per le due sconfitte consecutive anche se perdere fa parte dal gioco. Ci dispiace per il modo in cui sono giunte queste sconfitte; diciamo pure che è questo che ci fa male”. Borges scende nei particolari e su alcuni aspetti da migliorare già dalla gara in Sicilia: “Abbiamo incassato dei gol evitabili che ci sono costati cari nelle ultime due partite. In ogni caso dalla gara di sabato scorso contro il Mellili ho notato una crescita molto importante della squadra in tutti i sensi soprattutto nell’atteggiamento ad approcciare la partita; da qui  dobbiamo ripartire. Siamo solo alla seconda settimana di lavoro con mister Cipolla e siamo in crescita, abbiamo tutte le carte in regola per fare bene. Peccato per il risultato di sabato scorso perché abbiamo creato tanto e sviluppato un buon possesso palla però ci è mancato il gol. Dobbiamo essere più cattivi sotto porta”. 

Ufficio stampa ASD BERNALDA FUTSAL

Bernalda Futsal, il presidente Grieco: “Sono fiducioso ma dobbiamo essere più concreti”

Una prova gagliarda per il Bernalda Futsal malgrado la sconfitta di misura contro il forte Città di Melilli, una delle formazioni candidate alla vittoria del girone. Soddisfatto della prestazione della squadra, risultato a parte, il presidente rossoblu Franco Grieco: “La squadra rispetto allo scorso anno è cambiata tanto   sia negli elementi che nella conduzione tecnica, dove c’è stato un doppio cambio di allenatore in pochi mesi quindi ci aspettavamo questo periodo fisiologico nel quale la squadra deve amalgamarsi. Contro il Melilli le mie sensazioni sono state positive malgrado avessimo di fronte una formazione di tutto rispetto. Nonostante questo abbiamo giocato alla pari con la quotata formazione siciliana; forse a tratti abbiamo anche giocato meglio di loro. Avremmo meritato qualcosa di più. Al momento ci manca un po’ di concretezza; se riuscissimo a concretizzare le occasioni da gol che produciamo durante l’arco della gara i risultati sarebbero diversi. Sono molto fiducioso; vorrei ricordare che siamo sempre una matricola anche se la squadra costruita nutre qualche aspettativa in più rispetto alla salvezza”. Il campionato è solo agli albori e incombe comunque il rischio di un nuovo lockdown per il Covid. Il patron bernaldese è fiducioso sulla crescita del gruppo: “Il torneo è appena iniziato, l’unica ricetta che conosco è il lavoro duro e serio. Ci basterà una vittoria per sbloccarci soprattutto in casa, dove sono convinto che non farà punti più nessuno. Diamo il tempo al nuovo mister di plasmare la squadra per quelle che sono le sue idee e il suo gioco. Sono convinto che sarà una stagione da ricordare anche questa”. Sabato prossimo è in programma, Covid permettendo, la sfida in trasferta con la Sicurlube Regalbuto: “La partita di sabato prossimo sarà importante ma non determinante. E’ ovvio che siamo reduci da due sconfitte consecutive ed abbiamo voglia di riscattarci anche se, di fronte, avremo una squadra di tutto rispetto con un ottimo roster. L’obiettivo è quello di vincere come deve avvenire in ogni partita”.

Ufficio stampa ASD BERNALDA FUTSAL

BERNALDA FUTSAL – CITTA’ DI MELILLI: 1-2. NON BASTA IL CUORE, AL “PALACAMPAGNA” PASSA LA CORAZZATA SICILIANA

Seconda sconfitta casalinga consecutiva per il Bernalda Futsal che falcidiato da squalifiche (Lemos e Murò) e infortuni (Calderolli) cede al Palacampagna contro il Città di Melilli, una delle compagini più accreditate alla vittoria finale del campionato. Sulla panchina rossoblu c’è l’esordio del neo tecnico Francesco Cipolla in sostituzione di Marcos Mathias Lamers. La gara equilibrata nel primo tempo terminato 0-0 svolta ad inizio ripresa quando il Melilli capitalizza due opportunità baciate da un pizzico di fortuna per realizzare le reti con Bocci ed Everton. Il Bernalda reagisce ma trova sulla propria strada le prodezze del portiere Parisi che capitola solo a 1’33’’ dal suono della sirena finale alla marcature del bomber Piovesan. I siciliani conquistano il successo; per i rossoblu, malgrado la sconfitta, restano dei passi avanti di crescita incoraggianti in vista dei prossimi incontri.

Cronaca. Il Bernalda, sconta le assenze per squalifica di Lemos e Murò ma recupera Boschiggia in porta presentando il seguente quintetto iniziale: Boschiggia, Zancanaro, Borges, Piovesan, Gallitelli. Dall’altra parte il Città di Melilli schiera: Parisi, Chalo, Everton,  Zanchetta, Bocci. Nei primi minuti il Bernalda tiene in mano il pallino del gioco: due tentativi di Piovesan vengono disinnescati dal portiere siciliano Parisi. Il Melilli con il passare dei minuti prende campo : Everton impegna Boschiggia. Il Bernalda pericoloso: Bocca si libera in banda e scarica a rete ma Parisi si oppone. Poco dopo il Melilli vicino al gol: la conclusione a botta sicura di Everton è salvata sulla linea da Gallitelli. I rossoblu rispondono con la girata a rete di Piovesan, Parisi respinge in tuffo. Il portiere siciliano devia anche il diagonale di Gallitelli, servito da Piovesan. Dall’altra parte siluro di Rizzo, Boschiggia è prodigioso. Il Melilli sfiora la rete: Everton è murato da Boschiggia, sulla respinta Moraes calcia al lato da posizione favorevole. Il Bernalda a 4’13’’ da termine della frazione raggiunge il bonus di 5 falli. In chiusura di frazione prodigioso intervento di Boschiggia su Failla, sull’altro fronte Gallitelli (due volte) e Piovesan chiamano all’intervento Parisi. Il primo tempo termina 0-0. 

Frizzante l’avvio della ripresa, gli ospiti passano in vantaggio con Bocci che sfrutta un rimpallo favorevole per insaccare da pochi  passi. Trascorrono due minuti per il raddoppio siciliano: Everton è lesto a raccogliere un rimpallo di Bocca per mettere in rete lo 0-2. Il Bernalda prova a rimettersi in carreggiata con conclusioni dalla media distanza, di contro il Melilli è velenoso in contropiede. I lucano non issano “bandiera bianca” e si riversano in avanti: la staffilata di Bocca, su scarico di Zancanaro, incontra l’opposizione di Parisi. Pochi secondi dopo è Saponara a tirare al lato da pochi passi dalla porta siciliana. A 4’ dal suono della sirena mister Cipolla si gioca la carta del quinto di movimento (Zancanaro). I rossoblu mancano la rete in un’azione incredibile con Piovesan, murato da un avversario, raccoglie Gallitelli calcia a botta sicura Parisi si oppone. A 1’33’’ dal suono della sirena finale i padroni di casa accorciano le distanze: Parisi compie il miracolo su Borges, Piovesan si avventa sulla sfera e infila Parisi per 1-2. Negli ultimi scampoli di gara Bocca incassa il secondo giallo per un fallo tattico e viene espulso dall’arbitro lasciando il Bernalda in inferiorità numerica. Risultano vani gli ultimi disperati assalti rossoblu, vince il Melilli che conquista il terzo successo consecutivo in campionato. 

BERNALDA FUTSAL: 2 De Pizzo, 4 Calderolli, 5 Zancanaro, 6 Borges, 9 Piovesan, 10 Gallitelli, 11 Bocca, 13 Boschiggia, 14 D’Amelio, 23 Quinto, 25 Saponara, 28 Giannace. All. Cipolla

CITTA’ DI MELILLI:  1 Tornatore, 3 Failla, 4 Monaco, 5 Chalo, 6 Schembri, 7 Rizzo, 8 Everton, 10  Bocci, 12 Parisi,  13 Zanchetta, 45 Bruno, 70 Moraes.  All. Bosco.  

Arbitri: 1ˆ Losacco di Bari , 2^  Dimundo di Molfetta , cronometrista Fiorentino di Molfetta

Ammoniti: Everton (M), Bocca (B), Failla (M), Boschiggia (B), Gallitelli (B), Giannace 

Espulso: Bocca (B)

Marcatori: 1’50’’ s.t. Bocci (M), 4’40’’ s.t. Everton (M), 18’27’’ s.t Piovesan (B)

Ufficio stampa Bernalda FutsalEnrico Losito